Calcio

Published on marzo 21st, 2018 | by francoligas

Siamo solo al prologo di una grande guerra economica

“Il Venerdì Grasso”…Carmine “Mimo” Raiola è un uomo potente e come spesso succede diventa anche antipatico. Non è che gli interessi molto,nel momento in cui ha deciso di curare gli interessi di calciatori affermati, o giovani di belle speranze, sapeva che sarebbe finito nell’occhio del ciclone. Ha valutato i pro e i contro ed è andato avanti per la sua strada, per la gioia personale e per quella dei suoi amministrati.
Soprattutto piace ai media perché con lui non si resta a bocca asciutta anche se, spesso e volentieri, le sue indiscrezioni hanno un secondo fine: valorizzare i suoi tesserati.
Si ha l’impressione che stavolta abbia esagerato anche se le sue parole non passano mai inosservate, visto che spesso entra a gamba tesa contro le società dei propri assistiti. Ricordarsi il caso Donnarumma dell’estate scorsa…

Questa volta il famoso, ricco e potente procuratore si è scagliato contro la Federazione e l’attuale CT. A Gigi Di Biagio ha addebitato la mancata convocazione di Balotelli, ma il vero obiettivo della rumorosa contestazione è stata la presenza di Buffon, che ovviamente toglierebbe il ruolo da titolare a Donnarumma.
Ancora un volta ci si domanda se Raiola faccia il bene e l’interesse dei suoi assistiti o se guarda solo al suo?
Anche perché Balotelli piace solo a chi ha una forte propensione per le scommesse (Di Biagio vuole andare sul sicuro) e l’attuale Donnarumma non può essere un portiere di garanzia).

 

Ha collaborato Francesco Demeco


About the Author



Back to Top ↑