Calcio

Published on marzo 5th, 2018 | by francoligas

Io sono con Davide e il ricordo dei suoi principi

Per Giovanni Pascoli la Morte “cavalca dietro di noi e può raggiungerci da un momento all’altro” come è successo con Davide Astori.
Pascoli si chiedeva, inoltre, se “le porte dell’oltretomba non sono più valicabili dopo la morte e la risposta all’incertezza è il pianto di morte che accoglie i defunti nell’aldilà”.

Se la realtà è questa vorrei trasformare la morte di Davide Astori in un inno alla vita, alla sua, a quella di un giovane calciatore di belle speranze che debuttò in serie A a Cagliari dove è rimasto sette anni e, da isolano, ha indossato la maglia azzurra dell’Italia.
Quello con la Sardegna è stato subito amore vero. Ancora oggi lo ricordano sorridente in giro per la città per divertirsi con i compagni di squadra ma sempre a disposizione dei suoi tifosi. Era nato per unire, punto.

Davide non era il leader della difesa ma il suo fedele e sorridente secondo, come è successo con Canini e Rossettini in rossoblu ma anche a Firenze con Gonzalo Rodriguez e successivamente con Pezzella. Era però un vero capitano, negli spogliatoi e in campo. Non era un prevaricatore anche quando, per amore del vero, non celava la profondità del suo pensiero. Era sempre sincero.
Della Fiorentina è stato il capitano coraggioso della stagione meno fortunata(questa attuale) ma invitava, compagni e tifosi, all’ottimismo e chiedeva a Diego e Andrea di essere vicini alla squadra, e non solo in senso figurato.

Cagliari studia come ricordare in concreto l’amico Davide e non disperdere gli effetti del suo lavoro, Firenze ha chiesto che il numero 13 venga ritirato e che la curva Ferrovia diventi la curva Davide Astori.
La società aveva già preparato il rinnovo del contratto e per Davide voleva un futuro da dirigente. Non avrebbe deluso nessuno
Solare, sorridente ma sincero non può che restare impresso nella mente di chi lo ha conosciuto, anche come rivale. Ecco perché Davide non è morto, inutilmente.

 

ha collaborato Francesco Demeco

 

 

 


About the Author



Back to Top ↑